Nel 1693 un catastrofico terremoto aveva raso al suolo una cinquantina di città grandi e piccole della Sicilia orientale da Catania sino a Comiso. Siracusa aveva resistito grazie alla robusta roccia calcarea sulla quale era stata fondata dai corinzi nell’ottavo secolo avanti Cristo. I danni subiti erano stati riparati in pochi anni.
Continua la lettura