Concetto Nicosia

La città sotto le ceneri

Nel 1745 gli scavi di Ercolano furono sospesi. Alcubierre indirizzò il suo interesse verso una località chiamata Civita, una zona dolcemente collinare, ricoperta di erba e vitigni, in cui da tempo immemorabile si diceva fosse sepolta una città, probabilmente Stabia, sepolta come Ercolano dalla catastrofica eruzione del 79 dopo Cristo. Anche a Civita, come a
Continua la lettura

Glossario Jazz

ACCORDO. Esecuzione simultanea di più suoni disposti in un ordine stabilito. ANCIA. Linguetta di legno o di metallo applicata all’imboccatura del tubo sonoro di alcuni strumenti musicali ad aria (per esempio, il clarinetto). ARMONIA. Combinazione di più accordi in un compiuto e coerente discorso musicale. ARPEGGIO. Esecuzione successiva di tutte le note di un accordo
Continua la lettura

Édouard Manet e la pittura di vita moderna

Le scelte pittoriche e la personalità di Manet Per tutta la vita Edouard Manet è costretto a lottare per imporre la sua visione della pittura e della missione del pittore. A modo suo è un realista, il suo programma – tracciato con grande lucidità nei primi anni di studio – è “essere del proprio tempo
Continua la lettura

Alberto Burri

Viatico per il suo museo

Nel 1991 una mostra di Burri venne allestita a Bologna, a palazzo Pepoli Campogrande. Fu una rivelazione, per me. Accanto alle opere erano esposti i disegni preparatori.
Continua la lettura

Catania barocca

Nessuna traccia è rimasta della Catania medievale, cancellata da due catastrofi ambientali succedutesi nell’arco di un quarto di secolo. All’arrivo del sisma del 1693, quando la terra cominciò a tremare e le case cominciarono a crollare, Catania era ancora intenta a leccare le ferite di un’altra spaventosa calamità naturale: l’eruzione dell’Etna del 1669, la più
Continua la lettura

Bebop

Il bebop, o bop che dir si voglia, è uno stile di jazz affermatosi all’inizio degli anni Quaranta del Novecento. Il nome, inventato dai musicisti, é una traslitterazione onomatopeica dell’intervallo musicale adottato dai boppers, vale a dire la quinta diminuita discendente. Un complesso intrico di motivazioni sociali e culturali ha portato una generazione
Continua la lettura

Erik Satie

Secondo Debussy, Erik Satie era un «delicato musicista medievale smarritosi in questo secolo», ma non so se era un complimento. Debussy si riferiva alla prima parte della carriera di Satie che per quasi vent’anni, dopo aver sperperato il patrimonio dell’eredità paterna, si era ritirato ad Arcueil, aveva smesso di comporre musica
Continua la lettura

Don Chisciotte

Miguel de Cervantes è morto a Madrid il 23 aprile del 1616. Nello stesso anno, a Stratford-upon-Avon a distanza di undici giorni moriva William Shakespeare. I due più grandi scrittori della modernità, gli inventori del romanzo moderno e della tragedia moderna, hanno chiuso gli occhi, per sempre, nel giro di pochi giorni. Non sappiamo se
Continua la lettura

Messina, 1908

Lunedì 28 dicembre 1908, ore 12.05. Al ministero dell’interno, a Roma, arriva un telegramma spedito poco dopo le nove dal prefetto Ferri di Catania. Non ci si deve stupire del fatto che, in quegli anni, un dispaccio urgente impiegasse da due a quattro ore prima di arrivare
Continua la lettura

Il segno d’Arpocrate

In un dipinto di Odilon Redon, Il silenzio del Moma di New York, da una sorta di oblò aperto sul vuoto fa capolino il volto di una donna che, dito sulle labbra, invita gli spettatori a non parlare, a tacere. Quel gesto non è invenzione di Redon, ha una lunga storia alle spalle:
Continua la lettura

Emil Nolde

Fra gli aggregati alla Brücke, fra i compagni di strada, il personaggio più singolare è certamente Emil Nolde che, al momento dell’adesione, ha già quarant’anni e una personalità matura e molto spiccata. Il suo vero nome è Hansen ma nel 1901 aveva scelto di chiamarsi Nolde
Continua la lettura

Siracusa

Nel 1693 un catastrofico terremoto aveva raso al suolo una cinquantina di città grandi e piccole della Sicilia orientale da Catania sino a Comiso. Siracusa aveva resistito grazie alla robusta roccia calcarea sulla quale era stata fondata dai corinzi nell’ottavo secolo avanti Cristo. I danni subiti erano stati riparati in pochi anni.
Continua la lettura